Afte della bocca: tips su come trattarle e prevenirle

7. 10. 2022 · Tempo di lettura: 8 minuti

Le afte sono una delle condizioni più comuni che possono comparire sulla mucosa della cavità orale, della lingua, delle gengive e del palato. Ad ogni persona, durante la vita, capiterà di dover affrontare questo tipo di fastidio. In questo articolo, parleremo delle cause, della prevenzione e dei rimedi efficaci per contrastarle.

Cosa sono le afte?

Le afte buccali sono formazioni dolorose, spesso multiple (anche se possono essere anche singole), di colore bianco e circondate da zone di arrossamento evidenti. Queste piccole ulcere possono comparire ovunque sulla superficie della mucosa orale, in bocca, soprattutto sulla lingua, a livello delle gengive, del palato, della parte interna delle guance e delle labbra. I nomi scientifici dell’afta sono stomatite aftosa (la parola greca "stoma" significa "bocca" e il suffisso "-ita" significa "infiammazione") o ulcere aftose. Si tratta di manifestazioni che non risultano contagiose, ma possono causare disagio a causa del dolore e della difficoltà a masticare, a parlare e quando entrano in contatto con determinati tipi di sostanze. Le ulcere della bocca sono distinte in base a diversi parametri che vanno a caratterizzarle:

  • Afta buccale minore: si tratta di manifestazioni infiammatorie che non superano il centimetro di diametro, sono ovali, circondate da un'area rossa e hanno un tempo di guarigione non superiore a 14 giorni. Queste piccole ulcere sono un tipo di stomatite che si riscontra frequentemente nei neonati e nei bambini e che prende il nome di “mughetto”. Nello specifico, il mughetto neonatale deriva da un’eccessiva proliferazione di un fungo che naturalmente è presente nel nostro organismo, la Candida albicans. Questo tipo di infezione si caratterizza con delle placchette bianche su lingua, guance e palato, che spingono i bambini a rifiutare di mangiare e di bere. In questo caso di consiglia di consultare un medico specialista per risolvere il problema.
  • Afta buccale maggiore: è la forma principale di afta ed è caratterizzata dalla dimensione maggiore e da una maggiore profondità. Hanno una forma rotonda e solitamente con confini regolari. Le forme irregolari compaiono in caso di afte molto estese, che tendono ad unirsi anche tra loro. Queste afte hanno un tempo di guarigione più lungo, tra i 30 ei 40 giorni, e possono lasciare piccoli segni e cicatrici. Le afte gravi compaiono soprattutto nei giovani durante l'adolescenza e colpiscono soprattutto persone fino ai 20 anni.
  • Afta buccale erpetiforme: queste afte orali sono meno comuni rispetto agli altri 2 tipi, ma hanno l’aspetto molto simile alle precedenti. La differenza sostanzia sta nel fatto che le afte erpetiformi sono causate dal virus dell'herpes. Compaiono sotto forma di un'ulcera della bocca formata da un gruppo di ulcere più piccole, da 10 a 100 di tali lesioni, che possono agglomerarsi e formare un'ulcerazione più grande, che ha bordi con contorni irregolari. Il tempo di guarigione va dai 7 ai 15 giorni, senza lasciare segni e cicatrici. Questo tipo di afta erpetiforme è caratteristico delle persone più anziane.

Le cause delle afte:

Le cause di queste ulcere della bocca non sono completamente note. Esistono però dei fattori di rischio che possono favorire la comparsa e l'innesco di queste spiacevoli afte a livello orale. La conoscenza di questi fattori può aiutare a prevenirne l'insorgenza. Tra i fattori di rischio più importanti vi sono:

  • Lavarsi eccessivamente i denti;
  • Mordersi accidentalmente la guancia;
  • Interventi dentistici o indossare apparecchi;
  • Dentifrici e collutori contenenti sodio lauril solfato;
  • Sensibilità al consumo di cibi come cioccolato, caffè, uova, fragole, formaggio, noci e altri cibi acidi;
  • Sensibilità orale al glutine;
  • Mancanza di determinate componenti nutrizionali come vitamina B12, folati, ferro o zinco;
  • Sensibilità a determinati batteri che si trovano comunemente in bocca;
  • Ciclo mestruale;
  • Consumo di tabacco;
  • Fattori genetici;
  • Alto livello di stress.

Inoltre, alcune malattie del corpo umano possono provocare la comparsa di ulcerazioni della bocca, come ad esempio:

  • Celiachia e intolleranza al glutine;
  • Malattie infiammatorie intestinali autoimmuni (come morbo di Crohn e colite ulcerosa);
  • Sindrome da immunodeficienza umana acquisita (HIV/AIDS) e altre malattie che indeboliscono il sistema immunitario.

In sintesi, una singola afta può essere provocata da infezioni provocate da mani sporche o da altre condizioni temporanee, mentre l’alta frequenza di comparsa di queste manifestazioni può prevedere delle cause più profonde e organiche. Mancato introito di vitamine del gruppo B oppure la riduzione del loro assorbimento a causa di celiachia e malattie infiammatorie intestinali, può generare afte in modo molto più frequente.

Trattamento delle afte:

Il più delle volte, le afte evolveranno naturalmente verso una guarigione spontanea, senza la necessità di un trattamento specifico. Tuttavia, ci sono casi in cui le ulcere della bocca hanno un carattere ricorrente, cioè tendono a riapparire in un certo momento dopo la guarigione spontanea. Sebbene non esista un trattamento che curi effettivamente queste recidive, esistono trattamenti medici che hanno il ruolo di migliorare e ridurre le sensazioni spiacevoli causate dalle ulcere della bocca, aiutandoti a liberartene. Inoltre, la rimozione dei fattori di rischio è la soluzione migliore per prevenire la comparsa di ulcere della bocca.

Il trattamento farmacologico può essere fatto sotto forma di corticosteroidi topici (forti antinfiammatori) e antimicrobici. Questo è considerato un trattamento rapido e talvolta anche poco proporzionato rispetto all’entità della manifestazione infiammatoria. Infatti, i corticosteroidi alleviano e riducono i sintomi, ma non sono utili per ridurre il tasso di recidiva delle afte. Le tetracicline topiche (antibiotici) hanno il ruolo di ridurre l'ulcerazione, ma, come i corticosteroidi, non influenzano la recidiva. Attenzione, inoltre, poiché le tetracicline dovrebbero essere evitate nei bambini che non hanno ancora raggiunto l'età di 12 anni. Il trattamento medico è presentato esclusivamente a scopo informativo. Se ci si ritrova di fronte a questa malattia, bisogna rivolgersi a un medico specialista che può prescrivere un piano di trattamento adeguato.

Esistono, però, anche moltissimi prodotti salute per le afte, che sono rappresentati da una vasta gamma di oli, paste, creme, collutori e spray per la bocca, che possono contenere anche elementi naturali ad azione idratante, lenitiva, emolliente e ricostituente per la mucosa orale danneggiata. Prodotti come Urgo Filmogel Afte e Lesioni della Bocca Spray 15 ml , Urgo Afte Filmogel Cerotto Liquido Protettivo 6 ml oppure Urgo Collutorio Afte 150 ml agiscono creando veri e proprie barriere o cerotti invisibili che isolano l’afta dall’ambiente esterno. Questo film difensivo permette all’afta di guarire più facilmente ma soprattutto di evitare il contatto con alimenti e sostanze irritanti. La presenza di ingredienti come l’acido ialuronico e sostanze naturali antinfiammatorie come l’Aloe vera, permettono anche di esplicare azione riparativa e lenitiva sull’afta stessa.

La prevenzione è l’arma più potente contro le afte!

  • Mantenere un'adeguata igiene orale è uno dei fattori più importanti da tenere in considerazione per ottenere una corretta prevenzione;
  • Le persone con dentiere devono mantenere una buona igiene orale;
  • L’alimentazione e la dieta sono fondamentali per introdurre nel corpo le vitamine necessarie (gruppo B specialmente) per evitare fenomeni aftosi e per rinforzare il sistema immunitario;
  • Un altro modo di prevenzione è evitare cibi piccanti, cibi e liquidi troppo caldi, troppo freddi o acidi, che possono indebolire la mucosa orale;
  • Il fumo ha un ruolo negativo nella recidiva delle ulcere della bocca, smettere di fumare è un'altra raccomandazione che può portare molti benefici non solo per le afte, ma per il corpo in generale;

In conclusione, ricordiamo che se ci si trova di fronte a un mughetto orale ricorrente, si consiglia di rivolgersi a un medico specialista per beneficiare di una formula di trattamento adatta alle proprie condizioni di salute e alle proprie esigenze.