Come proteggere i bambini dalle punture degli insetti?

15. 5. 2024 · Tempo di lettura: 10 minuti

In questo articolo, esploreremo le strategie più efficaci per prevenire le punture di insetti, concentrandoci sui diversi tipi di insetti come zanzare, vespe, zecche e pulci. Discuteremo anche l'importanza di riconoscere i segni di una possibile allergia alle punture e i metodi consigliati dai professionisti del settore per trattare tali punture in modo sicuro ed efficace.  

Marco Merisio
Marco Merisio
Come proteggere i bambini dalle punture degli insetti?

Proteggere i bambini dalle punture degli insetti è una priorità per ogni genitore, specialmente durante i mesi caldi quando i bambini trascorrono molto tempo all'aperto.  
Le punture di insetti non solo causano disagio e irritazione, ma possono anche trasmettere malattie o provocare reazioni allergiche.  

Seguendo i consigli che presenteremo, sarà possibile offrire ai bambini una protezione ottimale, permettendo loro di godere delle attività estive con maggiore tranquillità e sicurezza. 

La protezione di neonati e bambini dalle zanzare 

Le zanzare sono tra gli insetti più fastidiosi durante i mesi estivi. La protezione di neonati e bambini dalle zanzare è essenziale per evitare disagi, punture e possibili reazioni allergiche. Quando si tratta di scegliere i metodi di protezione, è fondamentale considerare l'età del bambino e optare per soluzioni sicure e appropriate.  

I rimedi naturali possono offrire una protezione efficace senza l'uso di sostanze chimiche, mentre i prodotti contenenti repellenti chimici dovrebbero essere usati con cautela. Qui esamineremo varie soluzioni e sostanze repellenti con l'età da cui possono essere usate in sicurezza.  

Per neonati e bambini molto piccoli (0-2 anni): 

  • Evitare repellenti chimici: per neonati e bimbi molto piccoli, è preferibile non usare repellenti topici che contengono sostanze chimiche come il DEET o la picaridina.  
  • Uso di zanzariere: l'uso di zanzariere su culle, passeggini, lettini e finestre è il modo più sicuro per proteggere i neonati dalle zanzare.  
  • Vestiti protettivi: abiti a maniche lunghe e pantaloni lunghi possono proteggere la pelle sensibile dalle punture.  
  • Spray con oli essenziali: questi spray possono contenere oli essenziali come la citronella e l'eucalipto limone. In base al tipo di formulazione possono cambiare le indicazioni e l’età d’uso. Possono essere applicati direttamente se utilizzati su bambini più grandi o applicati su vestiti, lenzuola, carrozzina o passeggini, per proteggere i più piccoli. Inoltre si possono trovare anche dei braccialetti repellenti.  
    Nell’assortimento Dr. Max puoi trovare Zcare Natural Vapo Baby, spray a base di estratti di eucalipto oppure Chicco Natural Sticker Colorati E Profumati Alla Citronella Ed Eucalipto, da applicare sui vestiti. 
  • Dispositivi repellenti: questi dispositivi, portatili o da attaccare alla spina, disturbano gli insetti, allontanandoli senza sostanze chimiche, come per esempio Chicco Anti Zanzare Spina Ultrasuoni 

Per bambini dai 2 anni in su, oltre alle strategie e ai rimedi naturali, si possono prendere in considerazione anche repellenti2 con molecole a base di: 

  • Icaridina (Picaridina o KBR 3023): disponibile a concentrazioni dal 10 al 20%, l'icaridina è una scelta sicura per i bambini piccoli, offrendo protezione dalle 4 alle 8 ore senza effetti irritanti.  
  • IR3535: disponibile in varie concentrazioni, ma con una durata di protezione che generalmente non supera le 2 ore. È adatto per l'uso nei bambini dai 2 anni in poi.  

Per ragazzi di 12 anni e oltre: 

  • DEET (dietiltoluamide): la molecola più efficace contro le zanzare, il DEET è disponibile in concentrazioni dal 7% al 50%, con una durata della protezione che varia da 2 a 8 ore. Tuttavia, è sconsigliato usare concentrazioni superiori al 10% nei bambini di età inferiore ai 12 anni a causa del potenziale rischio di irritazione, specialmente a concentrazioni elevate.  

Per tutte le età

  • Vestiti protettivi: indossare vestiti che coprono bene la pelle può offrire una barriera fisica contro le zanzare.  
  • Mantenere pulite le aree esterne: eliminare l'acqua stagnante per ridurre i siti di riproduzione delle zanzare vicino alle aree di gioco.  

È importante applicare il repellente solo sulle parti esposte della pelle e evitarne l'uso sulle mani dei bambini per prevenire l'ingestione accidentale o il contatto con gli occhi. 

Adottare un approccio su misura in base all'età del bambino può aiutare a garantire che la protezione sia efficace e sicura.  

Consultare sempre un pediatra o un farmacista prima di introdurre nuovi prodotti o sostanze sulla pelle dei bambini, specialmente se sono molto piccoli. È sempre importante leggere attentamente le etichette e seguire le istruzioni di utilizzo dei prodotti repellenti per assicurare la massima sicurezza. 

  

Proteggere i bambini da vespe e api 

Proteggere i bambini da vespe e api è essenziale per evitare dolorose punture che possono portare a reazioni allergiche e momenti spiacevoli nei più piccoli.  

Ecco alcuni consigli pratici e naturali per minimizzare il rischio: 

  • Indossare abiti chiari e poco appariscenti: vespe e api sono attratte da colori vivaci e scuri, quindi è meglio optare per vestiti in toni neutri.  
  • Evitare profumi forti: lozioni, saponi, shampoo o prodotti solari con odori intensi possono attirare questi insetti. Scegliere prodotti a basso odore o inodori per ridurre l'attrattiva.  
  • Coprire alimenti e bevande all'aperto: durante picnic o pranzi all'aperto, è importante tenere cibo e bibite coperti, in quanto gli zuccheri e i profumi possono attirare vespe e api.  
  • Istruire i bambini su come comportarsi: è fondamentale insegnare ai bambini a rimanere calmi e a non agitarsi in presenza di vespe o api, poiché movimenti bruschi possono provocarne l'aggressività.  

Adottando queste semplici misure, i genitori possono aiutare a proteggere i bambini dalle punture degli insetti, permettendo loro di godere delle attività all'aperto con maggiore tranquillità. 

Il bimbo è stato toccato da una medusa, cosa si può fare? Leggi l’articolo: Emergenza puntura di Medusa: cosa fare?  

  

Come proteggere i più piccoli da zecche e pulci 

Come proteggere i più piccoli da zecche e pulci è una preoccupazione comune tra i genitori, specialmente durante le attività all'aperto in zone erbose o boschive.  

Questi parassiti non solo sono fastidiosi, ma possono trasmettere malattie come la malattia di Lyme e la febbre da zecche del Mediterraneo, comuni in Italia. Adottare misure preventive può ridurre notevolmente il rischio di punture. 

Vediamo insieme alcune strategie efficaci: 

  • Utilizzare repellenti specifici: scegliere repellenti adatti ai bambini che contengono DEET o icaridina può offrire una protezione duratura contro zecche e pulci3.  
  • Se si possiedono animali domestici: utilizzare un antiparassitario ad ampio spettro contro pulci e zecche, per prevenire un’eventuale infestazione sull’animale e, di conseguenza, sugli ambienti di casa. 
  • Indossare abiti protettivi: abiti a maniche lunghe, pantaloni lunghi infilati nei calzini e cappelli possono fisicamente bloccare l'accesso a pelle.  
  • Scegliere i percorsi giusti: quando si passeggia in natura, è preferibile rimanere sui sentieri battuti ed evitare le aree con vegetazione alta, dove zecche e pulci sono più prevalenti.  
  • Controlli regolari: dopo una giornata all'aperto, è essenziale controllare i bambini e gli animali domestici alla ricerca di zecche o pulci, prestando particolare attenzione alle aree come le ascelle, la testa e dietro le orecchie.  

Implementando queste misure preventive, i genitori possono sentirsi più sicuri sapendo di aver ridotto significativamente la possibilità che i loro bambini siano morsi da zecche e pulci, e quindi meno esposti a malattie trasmesse da questi parassiti. 

Come si capisce se un bambino o neonato è allergico alle punture di insetto?  

Capire se un bambino o neonato è allergico alle punture di insetto è cruciale per intervenire tempestivamente e prevenire reazioni potenzialmente gravi.  

Le reazioni allergiche possono variare da lievi a severe e sono importanti da riconoscere quanto prima. È fondamentale osservare attentamente la risposta del bambino dopo una puntura e consultare immediatamente un medico in caso di reazioni insolite o gravi. 

Ecco alcuni segni e sintomi da monitorare dopo una puntura di insetto: 

  • Reazioni locali estese: se l'area attorno alla puntura si gonfia eccessivamente, prude molto o persiste per più giorni, potrebbe essere un segno di allergia. Consulta il pediatra o passa in farmacia per valutare la puntura. 
  • Comportamento insolito: se il bambino sembra insolitamente irrequieto o appare visibilmente sofferente poco dopo essere stato punto, potrebbe indicare una reazione allergica. È bene consultare il pediatra. 
  • Sintomi sistemici: difficoltà respiratoria, gonfiore delle labbra, della lingua o del viso, orticaria che si diffonde a parti del corpo lontane dalla puntura, sono tutti segnali di una possibile reazione allergica sistemica chiamata anafilassi, che richiede attenzione medica immediata, chiamando il pediatra e, se non reperibile, andando d’urgenza al pronto soccorso. 

Riconoscere i segni di allergia alle punture di insetto nei bambini è importante per garantire una gestione efficace e tempestiva, aumentando la sicurezza e il benessere dei più piccoli durante le attività all'aria aperta.  

In caso di qualsiasi dubbio o se si notano sintomi di una reazione allergica, è fondamentale consultare immediatamente un farmacista o un medico per ottenere assistenza e consigli specifici. 

Aiuto, il mio bimbo è stato punto ma non so da cosa! Se non hai visto l’insetto responsabile della puntura, consulta subito il nostro articolo per riconoscere i diversi tipi di puntura: Riconoscere le punture di insetti: come fare? 

  

Cosa consiglia di mettere sulle punture di insetto nei bambini il farmacista Dr. Max? 

Cosa mettere sulle punture di insetto nei bambini è una domanda frequente tra i genitori che cercano di alleviare rapidamente il disagio dei loro piccoli.  

I farmacisti Dr. Max consigliano diversi trattamenti sicuri ed efficaci per ridurre il prurito, il rossore e il gonfiore associati alle punture di insetto. 

Alcuni rimedi consigliati: 

  • Compresse fredde: applicare un impacco freddo sulla zona colpita può aiutare a ridurre il gonfiore e calmare il prurito5. È importante avvolgere il ghiaccio in un panno per evitare il contatto diretto con la pelle e applicarlo per non più di 15 minuti alla volta.  
  • Creme naturali: contenenti ingredienti come calendula o camomilla sono note per le loro proprietà lenitive e possono essere un'opzione delicata per trattare le punture di insetto nei bambini. Creme contenenti calamina o aloe vera sono efficaci per lenire l’infiammazione e ridurre il disagio. Stick, lozione, mousse e roll-on: su Dr. Max puoi trovare il formato che preferisci, nella sezione Creme e Pomate per punture di insetti. 
  • Medicinali da banco: prodotti come creme o gel contenenti antistaminici o idrocortisone al 1% possono essere utilizzati per alleviare il prurito e il rossore. Assicurati di seguire le istruzioni sul dosaggio e verifica che siano adatti all'età del bambino. Consulta qui tutte le creme medicinali da banco per le punture nel nostro assortimento: Creme al cortisone per le punture di insetti. 

Questi semplici rimedi possono aiutare a gestire efficacemente le punture di insetto nei bambini, contribuendo a mantenere la loro pelle sana e a ridurre il disagio. 

Proteggere i bambini dalle punture di insetto è una parte essenziale della cura dei più piccoli durante i mesi più caldi. Utilizzando le precauzioni giuste e seguendo i consigli del farmacista di fiducia, i genitori possono ridurre significativamente il disagio e i rischi per la salute associati agli insetti. Godetevi l'estate in sicurezza e serenità! 

Domande e curiosità

Cosa mettere ai bambini per punture di insetti?
Quando preoccuparsi della puntura di un insetto?
Che pomata mettere ai bambini su una puntura di insetto?
Circa l'autore
Marco Merisio
Marco Merisio
Sono un farmacista specializzato in comunicazione e marketing online. Laureato nel 2013, dopo alcune esperienze in Farmacia, dal 2017 lavoro totalmente come “farmacista digitale”: supporto farmacie e aziende farmaceutiche nella loro trasformazione digitale e nella creazione di una presenza online efficace e influente. Le mie attività principali sono: creazione di contenuti, gestione di pagine social, influencer marketing, campagne pubblicitarie e sviluppo di siti web ed e-commerce. La mia motivazione è offrire un contributo concreto alla salute delle persone, sfruttando le tecnologie moderne per un impatto immediato e tangibile.
Leggi di più da questo autore
Circa l'autore
Marco Merisio
Marco Merisio
Sono un farmacista specializzato in comunicazione e marketing online. Laureato nel 2013, dopo alcune esperienze in Farmacia, dal 2017 lavoro totalmente come “farmacista digitale”: supporto farmacie e aziende farmaceutiche nella...
Leggi di più da questo autore