Vacanze finite...sindrome da rientro iniziata!

13. 9. 2022 · Tempo di lettura: 6 minuti

Siamo appena rientrati dalle ferie: siamo felici, riposati, rilassati e pieni di entusiasmo ed energia per ricominciare...oppure no? Se al contrario ci sentiamo più stanchi, tristi e svogliati di prima potremmo essere incappati nella sindrome da rientro: scopriamo cos’è e cosa fare per uscirne.

La sindrome da rientro: cos’è, come si manifesta e perchè si presenta

L’obiettivo delle vacanze è proprio quello di permetterci finalmente di staccarci dalla routine spesso stressante e spossante, recuperare le energie e riposarci per ritornare poi più forti di prima alla propria vita. Eppure quanti di noi al rientro dalle ferie si sentono più stanchi, giù di corda e demoralizzati di prima? Precisamente una persona su due tra i 25 ed i 45 anni di età: non pochi! Non è svogliatezza o pigrizia, si chiama sindrome da rientro. Niente paura, non è una patologia, ma una condizione psicologica passeggera caratterizzata da ansia, tristezza, calo della concentrazione, irritabilità e, nel peggiore dei casi, una vera e propria depressione stagionale.

Sembra un controsenso: perché dovrei essere più stanco e stressato dopo le ferie rispetto a prima? I motivi in realtà sono molti, primo fra tutti l’idea di dover tornare ai doveri ed alle responsabilità, proprio quelle che eravamo finalmente riusciti (quasi) a dimenticare mentre eravamo lontano da casa e dal lavoro e che ora ci sembrano ancora più insormontabili del solito. Ma non solo, tornare indietro spesso vuol dire anche lasciare le persone conosciute in viaggio e con cui abbiamo creato un legame profondo in pochi giorni e che ora ci sembra destinato a morire per via della lontananza. Infine si prospetta davanti noi l’idea di dover “correggere” gli eccessi legati alle vacanze, come la poca attività fisica e l’alimentazione certamente meno controllata.

combattere la sindrome da rientro

Combatterla con lo stile di vita

La sindrome da rientro a lavoro sembra insormontabile e ci demoralizza fino a farci spesso sentire insoddisfatti di ciò che facciamo e della vita che conduciamo. Ma è proprio il nostro stile di vita che può aiutarci ad uscirne al meglio, ci basterà apportare qualche piccola modifica per aiutare la mente ed il corpo a reagire allo stress da rientro:

  • Dedichiamo del tempo a ciò che ci piace: sebbene ci sembri impossibile trovare del tempo per fare ciò che ci rilassa, il tempo c’è, basta organizzarsi. In vacanza, infatti, abbiamo dato adito ai piccoli hobby trascurati, come la lettura, e passato più tempo con amici e famiglia e ora ci sentiamo di non poterlo più fare. Non solo è un ragionamento sbagliato, ma è anche controproducente: impegnarci a ritagliare del tempo per hobby e relazioni è essenziale per migliorare la qualità della vita e affrontare meglio gli impegni lavorativi.
  •  Facciamo attenzione all’alimentazione ed al sonno: al rientro dalle ferie alcuni di noi si sentono in colpa per quei chiletti assunti e per rimediare si impongono subito una dieta restrittiva, che altro non fa che aumentare lo stress ed il nervosismo. È giusto fare attenzione alla dieta e rimettersi in riga, ma bisogna farlo nel modo corretto, non vivendola come una punizione e, se necessario, rivolgendosi ad un esperto della nutrizione. Inoltre, essenziale è regolarizzare il sonno, magari andando a letto un po’ prima la sera in modo da garantirci quelle 6-8 ore di riposo di cui abbiamo assolutamente bisogno per affrontare la giornata.
  • Prendiamoci cura del benessere mentale: lo stress e l’ansia da rientro affaticano la nostra psiche, facendoci sentire incapaci di gestire il tutto. Un aiuto è quello di regalarci dei momenti di relax soli con se stessi, ad esempio facendo delle passeggiate oppure praticando attività introspettive come la meditazione e lo yoga. Se questo non fosse sufficiente non dobbiamo avere paura di domandare un aiuto psicologico.

Se lo stile di vita non basta

Se i consigli precedenti non dovessero bastare contro lo stress da rientro, c’è qualcos altro a cui possiamo chiedere aiuto: la natura. Possiamo infatti affidarci ai più svariati integratori alimentari a base di ingredienti naturali estremamente preziosi per ritrovare il benessere mentale e la serenità. Ansia e agitazione? Tiglio e Biancospino; umore nero e demotivazione? Griffonia e Zafferano; difficoltà ad addormentarsi? Valeriana, Escolzia e Passiflora; stanchezza mentale fin dal mattino? Whitania e Rhodiola. Insomma, la soluzione più adatta ad ognuno di noi c’è, basta trovarla.

Con tutte queste armi a disposizione ora siamo davvero pronti a salutare la sindrome da rientro e a ripartire come si deve! E nei momenti di sconforto non dimentichiamo la fortuna di aver potuto vivere delle belle vacanze con chi amiamo e di poter riportarne alla mente i bei ricordi.



Oral-B Pro1 Bianco

Spazzolino Elettrico Pulizia Profonda

  • Sconto 33%
  • Restart!
  • Cashback
29,90 44,90 €
Disponibile

Articoli correlati Vacanze finite...sindrome da rientro iniziata!